Alcuni studi condotti indicano che alcune proteine possono avere un effetto rigenerativo sull’intero sistema muscolo-scheletrico. E con questo intendiamo tessuto, cartilagine, ossa, legamenti e tendini, ma non sai di cosa stiamo parlando. Successivamente ti diremo come agiscono i fattori di crescita piastrinici.

Pertanto, sta diventando molto popolare l’uso di fattori di crescita piastrinici nei pazienti per accelerare la loro guarigione. Ma come è possibile e quale reale portata deve essere in grado di aiutare i pazienti sottoposti a interventi chirurgici. La verità è che in questo articolo ti diremo di cosa si tratta, a cosa serve e ai benefici che porta. Quali sono i fattori di crescita delle piastrine?
I fattori di crescita piastrinici, noti anche come plasma ricco di piastrine, rilasciano una proteina che consente la rigenerazione dei tessuti. Agisce direttamente sulla lesione tissutale e consente anche di ridurre il dolore in alcune aree come la schiena, così come l’infiammazione. Pertanto, il suo uso nelle lesioni favorisce il tempo di recupero. Anche se certamente l’uso di fattori di crescita piastrinici può aiutare le persone che soffrono di lesioni ai legamenti, cartilagine o muscoli. Non agisce allo stesso modo in tutti i tessuti e, quindi, il suo grado di efficacia può essere variabile. Ma è ampiamente usato e offre grandi speranze di recupero in breve tempo in infortuni sportivi e traumi gravi.

Come vengono rimossi i fattori di crescita piastrinici?
Per rimuovere i fattori di crescita piastrinici, è necessario prelevare un campione di sangue, almeno 10 ml, dallo stesso paziente. Questo campione viene portato in laboratorio e posto in una centrifuga per 8 minuti. In questo modo è possibile separare le piastrine dagli altri componenti esistenti nel sangue.

Il plasma ricco di piastrine ottenuto è compreso tra 3 o 4 ml. Le piastrine sono ora attivate e il fibrinogeno coagulato. Per questo, vengono aggiunti 50 ul di cloruro di calcio per ogni ml di plasma, dopo questo processo può essere infiltrato nel paziente. Ma questo sarà determinato dal caso presentato dallo stesso.

Poiché l’infiltrazione del fattore di crescita piastrinico può essere eseguita in due modi, uno di questi è allo stato liquido. E l’altro modo è aspettare che si verifichi la coagulazione e iniettarla in uno stato semi-solidificato. Per poi aspettarmi di agire, sia nel processo di guarigione, nella sua fase di guarigione e riducendo notevolmente l’infiammazione e il dolore. A cosa servono i fattori di crescita piastrinici?
I fattori di crescita piastrinici sono considerati una delle proteine che fornisce i maggiori benefici ai pazienti con lesioni gravi. Naturalmente nel campo della chirurgia ortopedica e diversi tipi di traumatologia. Dove si distinguono, alcuni usi non solo per la rigenerazione dei tessuti, anche per il dolore prodotto da altre condizioni come l’osteoartrite.

Che viene fornito a pazienti che soffrono di questo processo degenerativo dell’articolazione, ma nella sua fase meno evoluta. Per questo, vengono eseguite tre infiltrazioni a settimana, in attesa di un miglioramento clinico. 4-6 settimane dopo l’inizio del trattamento con fattori di crescita piastrinici.

Ma anche la sua facoltà rigenerativa e antinfiammatoria consente di essere utilizzata in altri tipi di traumi e vi rimanderemo di seguito:

Fibre di collagene della pelle
Le proteine contenute nelle piastrine stimolano la rigenerazione cellulare e aumentano la vascolarizzazione. Che permette di promuovere la comparsa di nuovi tessuti e quindi la produzione di fibre di collagene. Se applicato direttamente sulla pelle si può notare in pochi giorni un effetto ringiovanente o trattare le smagliature in gravidanza.

Aumentare il flusso sanguigno
L’uso di fattori di crescita piastrinici non solo calma il dolore nelle malattie degenerative o ha un effetto ringiovanente sulle fibre di collagene. Aumenta anche l’afflusso di sangue alla zona interessata, così come la creazione di nuovi vasi sanguigni. Rigenerazione e guarigione della pelle
Un altro vantaggio fornito dall’uso di proteine presenti nelle piastrine, ha a che fare con la rigenerazione e la guarigione della pelle. Perché stimola la produzione e l’aspetto di nuovo tessuto cellulare nell’area della lesione.

Azione antinfiammatoria
Lesioni a tendini, articolazioni, muscoli o malattie degenerative, come quelle associate al dolore cervicale. Tendono a mostrare un alto grado di infiammazione. Fornendo fattori di crescita piastrinici, produce cambiamenti nelle proteine responsabili dell’infiammazione. Pertanto, la maggioranza mostrata dopo il trattamento è notevole.

Leave a Reply